La corona dell’Avvento yogica

Sta per iniziare l’Avvento, uno dei periodi più sacri dell’anno. Prepara 4 candele per immergerti nel mare delle qualità divine.

di Jayadev Jaerschky

In questi giorni entriamo in una stagione sacra: l’Avvento. In molte case del mondo viene posta una corona dell’Avvento, che contiene quattro candele: vanno accese una alla volta, ciascuna in una domenica di Avvento. Si tratta di un simbolo meraviglioso, perché in verità accendiamo quattro preziose luci di Natale.

Ma che cosa è quella “luce di Natale”, dal punto di vista yogico? La risposta è questa: simboleggiano la luce che ha portato il Cristo. Secondo Yogananda, il termine “Cristo” si può comprendere in due modi distinti:

– L’aspetto personale: Gesù il Cristo, il grande avatar, figlio-messaggero di Dio, che è nato circa 2021 anni fa, portando sulla Terra la gloriosa Luce di Dio.

– L’aspetto impersonale: l’eterna coscienza Cristica, in cui viveva Gesù, ma anche Buddha, Krishna, e tutti i veri Maestri che hanno superato la loro identificazione con il loro piccolo ego, immergendosi nell’unione con Dio.

Ecco il punto importante: non basta adorare Gesù e ringraziarlo per la Luce che ci ha portato. La dobbiamo vivere anche noi, in prima persona, specialmente adesso in questo periodo buio dell’anno, del mondo. Yogananda ci ispira fortemente a diventare attivi “portatori di Luce”:

“Adorare Gesù non ha veramente senso finché non si può espandere la propria coscienza per ricevere dentro di sé la Coscienza Cristica. Questa è la seconda venuta di Cristo. Se non fai la tua parte, anche mille Cristo che vengono sulla Terra non sarebbero in grado di salvarti”.

Quindi quali saranno le quattro candele che accendiamo in questa stagione dell’Avvento, preparandoci per un vero e profondo Natale yogico? Ci ispiriamo con delle parole di Yogananda che ci offrono una chiara direzione:

“Accendi il fuoco della devozione nel tuo cuore, così che la Luce di Cristo possa ardere in te. La purezza, la pace e la felicità al di là di ogni sogno brillano e danzano dentro di te. Lascia che la pace fuori si unisca alla pace dentro di te. Sei immerso in quella luce eterna. Essa permea ogni particella del tuo essere. Tu vivi in quella luce, perché lo spirito di Cristo ti ha colmato, dentro e fuori. La pace di Cristo, che è come un oceano, ha riempito il tuo corpo e la tua mente. Riposa ora nella gioia di questa pace benedetta”.

La prima candela dell’avvento: domenica, il 28 novembre

DEVOZIONE

La prossima domenica, il primo Avvento, pianifica bene la tua settimana, dedicandola alla prima candela natalizia nella tua vita: la devozione (Ishwara pranidhana). Prova a vedere Dio ovunque, anche nelle persone. Ama le persone, ama la vita, ama la natura, ama le situazioni, ama te stesso. Ma vai oltre: con devozione, AMA DIO nelle persone, nella vita, nella natura, in te stesso. Prova a vedere Dio ovunque, persino nelle situazioni difficili. Vedi la Sua mano e prova a coltivare un profondo senso di devozione.

Prova questo esercizio: muoviti e senti che ti stai muovendo in Dio, come in un oceano beato. Lascia che quell’oceano fuori si unisca alla vita dentro di te. Pratica costantemente l’apertura a questo Mare, fatti colmare con devozione, affermando:

“Sono immerso nella Luce eterna.
Essa permea ogni particella del mio essere.
Io vivo in quella Luce,
perché lo spirito di Cristo mi ha colmato,
dentro e fuori”.

La seconda candela: domenica, 5 dicembre

PUREZZA

Per il secondo Avvento accendi la tua seconda candela: la purezza (saucha). Continua a praticare come la settimana scorsa: stare immerso nell’Oceano di Dio, lasciandoLo entrare in te, come se fossi un bambino immacolato: con pensieri limpidi, sentimenti chiari, intenzioni trasparenti, azioni cristalline, energia pura che emani agli altri.

Pensa che la purezza è una qualità della vera Luce Cristica che si esprime attraverso di te. Pensa di vivere in quel Mare di Dio, che ti rende davvero puro, candido. Prega tutta la settimana con Yogananda:

“Dio amato,
rendimi trasparente con la purezza,
affinché Tu risplenda attraverso di me.
Rendimi luminoso con la saggezza,
affinché io possa vederTi in me”.

La terza candela: domenica 12 dicembre

PACE

Il terzo Avvento pratica consapevolmente la pace (shanti): un altro aspetto della Luce Cristica. Ancora una volta, visualizzati immerso nel Mare di Dio che ti entra e ti permea. Ovunque sei, diffondi la Sua pace. Fai del tuo meglio per superare le tue irritazioni. Afferma continuamente la pace, prega per la pace, pratica la pace, difendi la Sua pace. Rendila la tua suprema priorità. Afferma queste parole di Yogananda:

“Sul trono dei pensieri silenziosi,
il Dio della pace dirige oggi le mie azioni.
Mostrerò ai miei fratelli il tempio di Dio
attraverso la porta della mia pace.
Farò del mio meglio
per aiutare gli altri con il mio esempio”.

La quarta candela: domenica, 19 dicembre

FELICITÀ

Ecco, siamo al quarto Avvento e quindi accendiamo la quarta candela: la felicità, la gioia (ananda). Ma si tratta di una gioia speciale: non la nostra, ma quella di Dio. Ancora, immaginati immerso nel Mare di Dio mentre ti permea, in ogni tua cellula, in ogni tuo pensiero, in ogni tuo sentimento. E ti impregna davvero con una gioia sublime. Prega con Yogananda durante tutta la settimana:

“Divino Amato,
benedicici con il Tuo inebriante,
sempre nuovo, gioioso,
supremamente soddisfacente contatto.
Insegnaci a bere Te,
affinché ogni cellula del sangue,
ogni pensiero e ogni sentimento
si saturi della Tua gioia
e la loro sete di piacere
si plachi per sempre”.

Con queste quattro candele dell’Avvento che brillano in te stai già festeggiando il vero Natale, il Natale yogico, il Natale dell’anima. Nel silenzio della meditazione, cerca sempre a contattare quel Mare di Dio. Poi nella vita, accendi le Sue candele.

Buone Feste yogiche, dentro e fuori.

 

 

Condividi l’articolo su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

Articoli recenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright 2021© Yogananda Edizioni Srl – Impresa sociale. All Right Reserved.
Frazione Morano Madonnuccia, 7 – 06023, Gualdo Tadino (PG)
amicideilibri@yoganandaedizioni.it | +39 075 914 83 75
C.F. e P.IVA 03761550544 – N.REA PG-311962 | Privacy e Cookie Policy