Segui la tua Cometa

Il vero significato della stella di Cristo, in ognuno di noi

di Shantidev Oliver Graf

Attraverso la Stella nell’occhio d’opale, vedi il Cristo ovunque, mentre dorme in ogni atomo, nei protoni e negli elettroni. L’aureola che si sfuma in oro adorna la porta dell’opale; attraverso la stella dentro il blu, puoi incontrare il Cristo, ovunque Opal Flame, Paramhansa Yogananda

Da adolescente ero un sognatore ad occhi aperti. Ad esempio, i dettagli nella trama del soffitto della mia stanza mi hanno sempre attratto irresistibilmente. Fissavo lo sguardo su piccole sporgenze e osservavo crescere gradualmente una leggera aureola che circondava il punto messo a fuoco. Una cosa davvero strana! Cos’era quella luce? Un’allucinazione? Ho iniziato a giocare con questo effetto e mi sono reso conto che più entravo in uno stato d’animo ricettivo, fissando lo sguardo in un punto qualsiasi, senza pensare e rimanendo il più consapevole possibile, senza lasciar vagare la mente, più l’intera stanza iniziava a brillare in una luce dorata. Ero davvero emozionato!

La cosa successiva su cui ho fissato la mia attenzione è stata una sensazione di formicolio, piacevolmente fresca, nel punto tra le sopracciglia… Il punto di luce si spostava insieme al movimento della mia testa, ovunque guardassi. Di più: chiudendo gli occhi, il punto di luce era ancora lì! Forse questa luce era solo una proiezione della mia coscienza? Mi chiedevo. Ero completamente ossessionato da questa cosa, ma nessuno intorno a me capiva di cosa stessi parlando, né me lo poteva spiegare.

Fu in quel periodo della vita che iniziò la mia ricerca spirituale. Sono arrivati libri sullo yoga e sono apparse persone con una mentalità spirituale. Sono successe tante cose di questo tipo e, molti anni dopo, ho scelto di vivere in una comunità spirituale. Ma, pur in mezzo a molti cambiamenti, una cosa rimane la stessa: l’incessante “sforzo senza sforzo” per perfezionare questo sguardo interiore che ora so essere l’occhio spirituale, il “terzo occhio”, o il kutasha in sanscrito: la porta della coscienza cosmica, l’unico punto immobile ed immutabile di costante consapevolezza.

Durante i pellegrinaggi annuali di Ananda in Himalaya, riceviamo speciali benedizioni negli incontri con alcuni autentici maestri di yoga himalayani. Swami Paramananda Giri, un Kriya Yogi di 130 anni, a volte condivide alcune delle sue esperienze che ha avuto con esseri multidimensionali come Mahavatar Babaji. Spesso afferma che non possiamo vedere questi esseri se non siamo in grado di vedere con il nostro “occhio divino”, come lui chiama l’occhio spirituale. Racconta anche che ci sono diversi “ashram divini”, luoghi in cui convivono grandi Yogi (Siddha che hanno realizzato poteri yogici), ma che non ci sono visibili se non perfezioniamo la nostra capacità interiore di vedere sempre con questo “occhio divino”.

Se uno ha perfezionato la visione interiore, dice, può vedere cosa succede in qualsiasi parte del mondo, ovunque si trovi! Questa è Coscienza Cristica? È questo il “Centro dappertutto, la circonferenza da nessuna parte”, come descrive questo stato Paramhansa Yogananda? È questa la stella di Betlemme, la divina visione interiore onnipresente, che i tre saggi seguirono per trovare il Cristo Bambino nella mangiatoia? Yogananda ha detto di sì. E dà le seguenti istruzioni per entrare in questa esperienza di celebrazione della nascita della Coscienza Cristica interiore:

“Quando lo yogi si concentra abbastanza a lungo con gli occhi semiaperti nel punto tra le sopracciglia e quando lo sguardo è senza irrequietezza, sarà in grado di vedere una luce fissa circondata da altre luci, più tremolanti. Non dovrebbe essere distratto da questo alone luccicante dell’occhio spirituale, ma dovrebbe guardare con fermezza al centro dell’occhio fino a quando non sente la sua mente completamente assorbita al suo interno. Col tempo, vedrà la perfetta formazione dell’occhio spirituale: un opale blu scuro all’interno di un anello tremolante di fiamma. A poco a poco, con profonda concentrazione, una stella bianca estremamente brillante inizia a brillare al centro del blu. La stella è la porta attraverso la quale la coscienza deve passare per raggiungere l’unità con lo Spirito”.

Condividi l’articolo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli recenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2021© Yogananda Edizioni Srl – Impresa sociale. All Right Reserved.
Frazione Morano Madonnuccia, 7 – 06023, Gualdo Tadino (PG)
[email protected] | +39 075 914 83 75
C.F. e P.IVA 03761550544 – N.REA PG-311962 | Privacy e Cookie Policy