Astri di cambiamento e di cammino interiore

Ecco il cielo di questo periodo, che ci aiuta a vivere la trasformazione di tempi complessi con consapevolezza, mentre Giove, Marte e Saturno sono ancora alla guida dei prossimi mesi.

di Mauro Grande

Continuiamo a parlare di Marte. Dal 10 settembre è iniziato il suo lungo moto retrogrado che dall’Ariete lo ha portato indietro nella costellazione dei Pesci; dall’elemento fuoco all’elemento acqua. La sua retrogradazione durerà fino al 14 novembre.

Marte riguarda il potere e quando retrogrado genera potere in grande quantità, che la maggior parte delle persone fatica a comprendere e ad usare adeguatamente. Questo può evidenziare problematiche relative alla forza, al conflitto, alla rabbia, all’aggressività. Il segno dei Pesci è l’elemento acqua, quindi naturalmente correlato con le emozioni. L’emotività eccessiva o la reattività focosa vanno osservati.

Nei giorni dal 14 ottobre al 3 novembre anche Mercurio sarà retrogrado (due articoli fa ne abbiamo spiegato il significato). Un intelletto troppo critico, polemiche, rigidità nelle proprie posizioni, errori nei giudizi, incomprensioni, potrebbero essere manifesti in questi giorni.

La buona notizia è che un Marte potente nella costellazione dei Pesci incarna il Guerriero Spirituale. Non si preoccupa se gli altri condividono i suoi ideali profondi: è votato a mantenere viva la “fiamma interiore”. Anche se ci può essere un po’ di turbolenza emotiva… il suo fuoco è ispirante e motivante. È la stagione della Devozione ardente.

È significativo che dal 17 al 25 ottobre ricorre una delle più sacre festività della tradizione indù, Maha Navratri: nove notti dedicate a celebrare e venerare le nove forme della Dea Shakti (che secondo il mito trionfa sul demone dell’ignoranza). È la buona stagione per iniziare o approfondire la pratica dello Yoga e la meditazione: un modo speciale per usare il Fuoco Vigoroso che è disponibile. Se senti questo invito dentro di te, allora “dì di Sì alla vita”.

Il 14 novembre Marte riprenderà il suo moto diretto ed il 21 dicembre entra nuovamente in Ariete. Il 21 dicembre… Un giorno in cui tanti eventi sembrano convergere. Un giorno con tanti messaggi da interpretare. Un giorno che sembra indicare una nuova direzione. Lo sapremo nel prossimo articolo.

Intanto dal 1 ottobre Rahu e Ketu si sono spostati nei loro segni di esaltazione: il Toro e lo Scorpione rispettivamente. Vi dimoreranno per 18 mesi.

Rahu è causa della nostra identificazione con l’esteriorità materiale, è il desiderio. Sul lato positivo è il pianeta dell’espansione e dei cambiamenti rivoluzionari ed innovativi. Puoi sperimentare che ogniqualvolta Rahu transita in un particolare settore del tuo oroscopo personale porta una rivoluzione o una ridefinizione nei significato di quell’ambito di esperienza.

Nel segno del Toro è esaltato e si suppone che si “comporterà bene”, ma Rahu e Ketu son forze astrali sottili ed imprevedibili per loro stessa natura. Si potrebbero prevedere evoluzioni/rivoluzioni in ambiti concreti che riguardano la finanza, la moneta, la ricchezza. Ma anche i settori dell’alimentazione e della comunicazione.

Ketu viene definito il pianeta della “Moksha”, ovvero la realizzazione spirituale. Invita l’uomo ad abbandonare le sue convinzioni, storie e attaccamenti per rendersi conto che la sua vera natura è consapevolezza senza limiti, non duale. Rappresenta il testimone silenzioso, pura consapevolezza e pura beatitudine. In una sola giornata Ketu può farti lasciar andare tutti i tuoi attaccamenti e identificazioni e preoccupazioni, senza più un ritorno. La sua beatitudine deriva dal non aver bisogno di nulla, dal non temere nulla. Sul lato negativo produce grande insoddisfazione quando non viviamo al livello del nostro potenziale spirituale più elevato.

Ogniqualvolta Ketu transita in un settore del tuo oroscopo individuale, molto probabilmente sperimenterai due situazioni in quell’ambito esperienziale della tua vita:

  1.  profonda insoddisfazione in quell’area
  2. sarai incoraggiato a lasciarti andare e ad accettare ciò che è, oppure sarai motivato al cambiamento definitivo. Lascia andare le tue aspettative e i tuoi attaccamenti e troverai la beatitudine.

Al pari di Rahu, anche Ketu sarà esaltato in Scorpione per 18 mesi. Saremo spinti ad adattarci ai cambiamenti inevitabili e ci motiverà ad approfondire la nostra spiritualità. Anche cresce l’interesse per lo Yoga, la metafisica, l’astrologia.

In tutti i nostri articoli abbiamo trattato dei vari transiti planetari (come quelli descritti sopra) ma dovrebbe essere oramai chiaro a questo punto che i protagonisti veri di questi nostri giorni, di questi tempi originali sono i due giganti del sistema solare: Giove e Saturno. Con il loro lento danzare, i loro destini si incrociano. Hanno messaggi importanti per l’umanità. È già iniziato circa un anno fa. È l’appello della Terra alle sue creature.

Entrambi hanno ultimato il loro moto retrogrado, ed entrambi sono potenti in queste settimane: Saturno in Capricorno e Giove in Sagittario (rileggi gli articoli precedenti se desideri approfondire).

Finalmente Giove è forte nel suo segno, senza le influenze negative che hanno caratterizzato i transiti in sagittario negli ultimi due anni. È una bella spinta positiva nell’area della tua vita che il Sagittario indica nel tuo oroscopo individuale; ma anche importante per la collettività: pensiero più positivo, buone idee, ispirazione, fiducia, ottimismo, entusiasmo. Giove può dare il meglio di se ora.

Fino al 13 novembre. Quel giorno Giove entrerà nel segno del Capricorno (per la durata di un anno) che tradizionalmente indica la sua “debilitazione”. Percorrerà il segno del Capricorno fino ad incontrare, in una congiunzione perfetta, Saturno il 21 dicembre. Forse per alcuni mesi grande disciplina sarà necessaria per tutti. Forse l’inizio di una nuova fase.

Ma ora l’energia positiva è disponibile, facciamo il pieno delle vibrazioni positive di Giove e cavalchiamo il fuoco devozionale di Marte.

Unirsi al mondo senza diventarne parte o, meglio ancora, godere del mondo con la pura Gioia di Dio, è fonte di felicità eterna. Fare ogni cosa al mondo per compiacere Dio è l’ideale più elevato. Tieni Dio nel tuo cuore, ovunque tu sia, sorridi con la Sua Gioia e lavora soltanto per la Verità”. Paramhansa Yogananda

 

 

 

 

 

 

 

 

Condividi l’articolo su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram

Articoli recenti

Commenti

Unisciti alla discussione

2 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2020© Ananda Edizioni. All Right Reserved.
Fraz. Morano Madonnuccia, 8 – 06023, Gualdo Tadino (PG)
[email protected] | +39 075 914 83 75
C.F. e P.IVA 01978460549 | Privacy e Cookie Policy