Coltiva la bellezza dentro di te

Il mondo esterno è insieme uno specchio del nostro mondo interiore e un’affermazione che ci riporta ad alcune qualità, come diceva Swami Kriyananda. Inizia allora da dentro a crescere il mondo che vuoi vivere fuori.

di Jayadev Jaerschky

Il nostro mondo, per ognuno di noi, sembra semplicemente quello che è. Quando fa freddo è scomodo. Quando c’è il sole, ce lo godiamo e lo chiamiamo bello. Quando tutto va bene il mondo è bello, ma quando va male il mondo è, per noi, un brutto posto.

Ma c’è una cosa che di solito non consideriamo molto: il modo in cui sperimentiamo il mondo è una miscela di due cose:

1) eventi oggettivi
2) la nostra reazione soggettiva ad essi

La seconda parte, le nostre reazioni soggettive, ha un impatto molto maggiore di quanto normalmente ci rendiamo conto. Una volta Swami Kriyananda scrisse a un’amica: “Com’è strano: Siamo tutti nella stessa stanza, ma alcuni di noi tengono gli occhi parzialmente chiusi e vedono tutto in colori grigi. È tutto così brillante e bello!”.

Quella stanza per lui era “così brillante e bella” solo perché aveva quella brillantezza dentro di sé. Viveva in essa, quindi la vedeva all’esterno. Un’altra persona in quella stessa stanza vedrà solo colori grigi, perché interiormente tutto era grigio.

Il nostro mondo interiore colora costantemente la nostra vita. È come se tutti avessimo un paio di occhiali, costituiti dal nostro assetto mentale, attraverso i quali vediamo tutto. “La bellezza è negli occhi di chi guarda”, come dice il proverbio.

Anche in una prigione buia, spiega Swami Kriyananda, si può essere nella coscienza divina, se la si è sviluppata interiormente e la si sa mantenere. E anche in un paradiso come le Hawaii si può vivere il mondo come un inferno, perché interiormente tutto si tinge di oscurità.

Quindi… il mondo in cui vivete non è poi così oggettivo. È molto, molto soggettivo. Si può vivere in un paradiso o in un inferno, dipende da ciò che si sviluppa all’interno.

Meditiamo su queste parole, sempre di Swami Kriyananda: “Ricorda, l’universo è, per ogni essere umano, sia uno specchio che un’affermazione“. (da Affermazioni per l’autoguarigione).

È uno specchio perché vediamo sempre e ovunque solo noi stessi. Ad esempio, vediamo una persona, ma in realtà non vediamo quella persona, bensì una parte di noi stessi. Vediamo una situazione, ma in realtà vediamo una parte di noi stessi, che risuona. Sentiamo il vento e, ancora una volta, non sentiamo altro che noi stessi. “Il vento su una collina suona solitario se sei triste; libero, se sei libero; allegro, se sei contento”. L’universo è anche un’affermazione: afferma le qualità che hai dentro. La roccia afferma la tua fermezza, il fiore la tua dolcezza, l’uccello la tua libertà.

Dove ci porta tutto questo? A rendere bello il nostro mondo dall’interno, attraverso la trasformazione di noi stessi, e poi a portare questa bellezza all’esterno, agli altri.

Il modo principale per farlo è il pensiero positivo e il nostro sadhana. La nostra pratica quotidiana ci renderà gradualmente più pacifici. Automaticamente non solo osserveremo un mondo più pacifico, che è uno specchio, ma attireremo a noi situazioni più pacifiche. Il magnetismo è una legge che funziona come la matematica. Non può fallire.

Inoltre, meditiamo regolarmente. Perché? Perché la meditazione, con il tempo, aumenta la nostra gioia interiore. Una volta ottenuta, iniziamo a vivere in un “paradiso portatile”, come diceva Yogananda. Per coloro che praticano lo yoga, perfetto! Le posizioni yoga esprimono tutte le nostre qualità interiori luminose.

Quanto più dura diventa la vita esterna, tanto più forte deve essere la bellezza interiore che le contrapponiamo. Poiché la vita esterna non promette di diventare più facile, più dolce, più armoniosa nel prossimo futuro, dobbiamo rendere questo mondo più bello dall’interno, ognuno di noi individualmente. Allora, in mezzo a tutto ciò che verrà, vedremo ancora la bellezza nascosta della vita e creeremo magneticamente un futuro nuovo e migliore.

Tutto dipende da ciò che siamo dentro. E se il nostro futuro dovesse portare molte tensioni e conflitti, possiamo imparare a essere distaccati, a vivere centrati dentro di noi e a non cadere nella rabbia, nell’impazienza, nell’ansia o nella stanchezza.

Tutti noi, attraverso la sadhana e una forte volontà, possiamo comunque vivere in un mondo bellissimo. “Tu sei il Maestro dei momenti della tua vita”, come insegnava Yogananda. Sempre, per sempre e adesso!

 

 

Condividi l’articolo su:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
WhatsApp
Telegram

Articoli recenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Copyright 2021© Yogananda Edizioni Srl – Impresa sociale. All Right Reserved.
Frazione Morano Madonnuccia, 7 – 06023, Gualdo Tadino (PG)
amicideilibri@yoganandaedizioni.it | +39 075 914 83 75
C.F. e P.IVA 03761550544 – N.REA PG-311962 | Privacy e Cookie Policy